Team Foundation Server 2012 Starter

Jakob Ehn, Terje Sandstrom - Packt Publishing (2012)
7 giu 2013 04:20

Settantadue pagine in cui si concentrano rapidamente le seguenti fasi: panoramica, installazione, utilizzo. E questo è quello che si riesce a fare in neanche un paio di ore (non male considerando che tra le lamentele rivolte a TFS vi è la complessità dello startup). Se non si conosce nulla di TFS e si vuole arrivare alla pratica velocemente, magari per una valutazione più concreta che teoria, questo testo può essere d’aiuto.

La prima metà del testo, dopo una brevissima introduzione, si basa sull’ipotetica gestione di una semplice applicazione, con tanto di definizione delle aree e degli sprint, preparazione della struttura del sorgente e quindi della configurazione di una Continuous Integration Build.

A questo punto tutto è già pronto e si passa ad esplorare un po’ più in dettaglio i componenti di TFS: Team Explorer, Version Control, Shelving, Branching and merging, Work Items, Agile Tools (backlog, kanban, …), Build Automation.

Si chiude con una lunga lista di riferimenti a risorse esterne, tra cui i siti ufficiali, i blog, le estensioni e le comunità.

In definitiva si tratta di una panoramica molto pratica ma con qualche utile consiglio, come l’utilizzo delle Build private e l’uso della funzione Annotate per capire velocemente chi ha modificato un certo blocco di codice. Interessante anche l’accenno a come tracciare flusso di una modifica tra le varie branch.

Risfogliando il libro per scrivere questa recensione, mi sono meravigliato di come vengano trattati un po’ tutti gli aspetti pratici dell’uso di TFS: tutte cose che diventano abituali in pochi giorni e scontate dopo i primi progetti, ma quando si è agli inizi il percorso tracciato da questo breve testo è di gran aiuto.

Tag: TFS, VS, Visual Studio, ALM